9.Condivisione

Un mondo interconnesso è un mondo condiviso. Un mondo in cui si
condividono le cose positive (le innovazioni, le conoscenze) ma anche
quelle negative (i rischi ambientali, i fallimenti dei mercati, le
guerre).

Secondo il sociologo Ulrich Beck, quella attuale è “La società del
rischio”, non tanto perchè ci siano più rischi ora che un tempo, quanto
piuttosto per la diffusione dei legami (tra sistemi ma anche tra persone).
Ciò porta gli essere umani a condivedere sempre più il loro  destino. 

La crisi dei mutui subprime è la causa della crisi dei mercati finanziari,
che è la causa della crisi economica, che è la causa della disoccupazione,
che è la causa della riduzione dei consumi, e via  dicendo.


2010, Social Graph.                             2006, crisi dei subprime.

La condivisione è la caratteristica fondamentale dell’economia post-
fordista.
La net-economy non è un particolare settore dell’economia (quello delle
dotcom) ma una nuova modalità di lavorare. Si condividono i vantaggi
relazionali della rete per accedere ad un mercato globale, per
interagire con i soggetti, per condividere costi, rischi, aspettative e
ricavi.

Il mondo dello sharing fa riferimento alla condivisione di informazioni,
prodotti o servizi  all’interno di una rete comune. Persone che
usufruiscono (senza possedere) una quantità limitata di beni o servizi
senza esclusività di trattamento.

Lo sharing, come fenomeno di massa, è strettamente legato alla diffusione
di Internet e della banda larga. Si comincia col condividere brani
musicali in rete, attraverso programmi P2P come Napster. Poi si passa a
film, programmi, videogame.

 
1999, Napster.                          2001,scoppio della bolla dot.com. 

Questa lezione è stata realizzata lavorando a quattro mani su un documento
condiviso.
GoogleDocs è uno dei più interessanti servizi di sharing. Non si
condividono solo documenti (come si fa ad esempio su Dropbox) ma si
condivide il medesimo foglio di lavoro in real-time. Due persone, distanti
migliaia di chilometri, possono lavorare contemporaneamente sullo stesso
documento, condividendolo in maniera attiva.  

Ci sono poi dei casi in cui il servizio di condivisione include dei
prodotti fisici. La condivisione di mezzi da sempre considerati privati,
come biciclette e automobili, porta a nuove forme di trasporto pubblico.
E’ il caso di Milano con Bike Mi e Guida Mi.

 
2009, BikeMi.                                            2007,GoogleDocs.

Infine il marketing.
Il primo caso riguarda il blog Quelli che Bravo. Un blog dedicato al
modello Bravo del Gruppo Fiat. Un modo per condividere con i possessori
dell’auto novità, video (canale youtube), aggiornamenti, ecc... sulla
linea Bravo, attraverso i post raccontati dai giovani che lavorano in
Fiat. 

Il secondo è più vicino al mondo del marketing virale...sempre in campo
automobilistico, la casa americana Cadillac per promuovere e condividere
il piacere di guida del modello CTS-V ha realizzato una community
(Generation C) dove gli utenti hanno la possibilità di postare filmati
amatoriali che descrivono le caratteristiche del modello CTS-V...
dimostrando che può accelerare da 0 a 100 km/h in 5 secondi.


2006, Quelli che Bravo.                   2005, 0-60 mph under 5 seconds.


---
[Architettando]


In architettura la condivisione è legata al concetto di spazio abitativo.
Una delle prime forme di condivisione degli spazi è stata l’edilizia
sociale, termine ancora al centro dei dibattiti urbanistici. 

Il social housing, spesso collegato a situazioni di degrado edilizio e
urbanistico, rappresenta oggi l’evoluzione dell’edilizia popolare,
garantendo un aiuto a tutti coloro che non possono permettersi un affitto. 

Una delle sperimentazioni meglio riuscite, legate al concetto di social
housing, è il co-housing.
Il termine co-housing viene utilizzato in riferimento a esperienze
abitative condivise, dove singoli, coppie e intere famiglie vivono in
complessi residenziali composti da appartamenti privati e da ampi spazi
(sale riunioni, lavanderie, laboratori, spazi per il gioco, ecc...) e
servizi comuni.
Spazi e servizi collettivi, non solo portici o cortili, ma vere e
proprie porzioni di edificio che diventano il fulcro di relazioni tra i
cohousers. Oltre alla condivisione di spazi comuni, i cohousers svolgono
a turno servizi utili per tutta la comunità: la spesa settimanale, la
cura del verde, la manutenzione ordinaria degli edifici. 

Le prime cohouses nascono in Danimarca all’inizio degli anni 80’.
Successivamente il modello si è diffuso in Australia, Canada e Olanda.
Proprio nella patria dei tulipani è stato realizzato il più grande
progetto di co-husing d’Europa. A Nieuwegein un gruppo di 190 persone
convive dal 1983 in un vilaggio rurale. Il Gemeenschappelijk Wonen
Project comprende 26 case condivise (stanze in comune per studiare,
lavorare, dormire), 21 appartamenti, un ristorante, un negozio
dell’usato, giardini, spazi per praticare sport e un pub.
Periodicamente i cohousers si incontrano per discutere su questioni
legate alla gestione degli spazi e all’organizzazione delle attività.
Tutte le decisioni vengono sempre condivise da tutti.

1983, Gemeenschappelijk wonen project.

Altri esempi.
A Londra si trova invece l’Older women’s CoHo, dedicato alle signore
anziane.

In Danimarca,a Roskilde, l’Ibsgaarden Cohousing Project ospita un
villaggio di 21 appartamenti e una grande casa condivisa, dalla
costruzione di tipo tradizionale. 

    
2007, Older women’s CoHo.             2010, Ibsgaarden Cohousing Project.

Dal 2001 è attivo il progetto di co-housing a Vauban, un paese a sud di
Friburgo, dove cinquemila persone abitano in un quartiere di circa 38
ettari di superficie. Le attività di condivisione sono gestite dal
Forum, un’associazione senza scopo di lucro, che organizza gruppi di
lavoro, campagne d'informazione e altre manifestazioni relative allo
sviluppo del quartiere.

   
2001, Quartiere Vauban.                      2009, Vauban, le abitazioni.

Al contrario, in Italia si sono sviluppati progetti di questo tipo ad
una scala minore, come condomini solidali o piccoli quartieri.

Milano. Urban Village Bovisa è un progetto di co-housing che coinvolge
una comunità di 32 famiglie in un ex opificio nel quartiere milanese
della  Bovisa. 

A Torino ,invece, Numero Zero è il nome del progetto di co-housing
realizzato dall’associazione Coabitare. La condivisione degli spazi
avviene all’interno di un condominio  solidale e vede la partecipazione
attiva di 5 famiglie che hanno  acquistato l’edificio.

      
2009, Porta Palazzo Torino.                    2007, logo coabitare.org.

Le abitazioni condivise costituiscono un fenomeno rilevante nella
società contemporanea, basti pensare che nel mondo sono presenti oltre
un migliaio di co-residenze ed il coinvolgimento di 100 mila persone.
In quest’ottica, un dato significativo viene dalla California, dove il
10% delle nuove costruzioni è progettato per il co-housing.
Annunci

13 Risposte to “9.Condivisione”

  1. Fabia De Gasperis,Luca Pecora Says:

    nome  (azienda, prodotto o servizio)
    campus universitari

    link
    http://www.liuc.it/cmgenerale/default.asp?ssito=6&codice=77
    cos’è?

    cosa fa?
    Permette a studenti provenienti dall’estero o altre città italiane di abitare e co-abitare nei pressi della struttura universitaria frequentata.

    perchè?  (come si intreccia con la lezione)
    è inerente alla lezione perché è un esempio di come le persone debbano condividere quotidianità,abitudini,pasti, momenti di studio e di relax.

    marketing?  (qual’è la strategia di vendita)
    Si tratta di strutture architettoniche private che permettono di ottenere lo stesso risultato,ossia vivere vicino all’università, condividendo però la spesa dell’affitto.

    immagini
    google.stb.csi.stTbn()
    google.stb.csi.stTbn()
     
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.thetis.it/images/stories/Progetto_2/photogallery_399/cini_735x550.jpg&imgrefurl=http://www.thetis.it/aree/civile/assistenza-fondazione-cini.html&usg=__GjaObDdxwkTYS6PH2l1zi_rHRVc=&h=550&w=735&sz=390&hl=it&start=93&zoom=1&tbnid=qYAJ_l6xcBqP1M:&tbnh=106&tbnw=141&ei=MzhATbDpAsGi8QOb_5DaBA&prev=/images%3Fq%3Dcampus%2Buniversitari%26um%3D1%26hl%3Dit%26sa%3DN%26biw%3D1024%26bih%3D642%26tbs%3Disch:1&um=1&itbs=1

    Fabia De Gasperis, Luca Pecora
    (eventuale nome/logo gruppo)

  2. Giulio & Roberto Says:

    nome  (azienda, prodotto o servizio)

    Teatro bielorusso

    link

    http://www .vogliosap ere.org/20 10/12/21/b elarius-fr ee-theatre -esibirsi- a-costo-de lla-persec uzione/

    cos’è?

    Una forma di attività teatrale segreta che si tiene in Bielorussia

    cosa fa?

    In Bielorussia, un paese dove vige l’ultima dittatura d’Europa, l’arte teatrale è fortemente controllata dallo Stato, talvolta proibita. Gli attori si incontrano segretamente e allo stesso modo l’informazione sugli spettacoli rimane un segreto del pubblico appassionato.

    perchè?  (come si intreccia con la lezione)

    Le compagnie teatrali, per ovviare all’ oppressione del regime,  riescono attraverso la condivisione sui blog, i forum e il passa parola a organizzare in teatri e salotti privati, spettacoli “top secret” con la partecipazione di un pubblico sempre maggiore.

    marketing?  (qual’è la strategia di vendita)

    pubblicizzare atraverso blog, telefonate e passa parola

    immagini

    http://qua ttrocentoq uattro.fil es.wordpre ss.com/201 0/01/belar us-free-th eatre2901. jpg

  3. Giulio & Roberto Says:

    nome  (azienda, prodotto o servizio)

    Bump

    link

    http://itunes.apple.com/it/app/bump/id305479724?mt=8

    cos’è?

    E’ un’applicazione per smartphone, ipod e ipad.

    cosa fa?

    Permette di condividere diverse informazioni in modo originale e immediato scontrando delicatamente due dispositivi dopo aver lanciato l’applicazione su entrambi e selezionato il contenuto da scambiare. La nuova versione permette il “bump virtuale”, a distanza. Bump funziona anche tra dispositivi diversi: Iphone, Ipad, Ipod…

    perchè?  (come si intreccia con la lezione)

    Bump è un esempio abbastanza curioso di come attualmente la condivisione di informazioni di vario genere sia possibile in modo più semplice e istantaneo rispetto a pochi anni fa. Scambiarsi il numero telefonico, diventare amici su facebook, twitter LinkedIn, ma anche condividere foto, musica, messaggi, posizioni, contatti, eventi…

    marketing?  (qual’è la strategia di vendita)
    L’applicazione è scaricabarile gratuitamente dall’App Store. Inserita nella categoria “social network” permette di creare una fitta rete di contatto e, accettando l’utilizzo dei dati forniti, l’utente viene raggiunto da pubblicità specifiche (targeted ads).

    immagini
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://i.ytimg.com/vi/iZudLSKaBgM/0.jpg&imgrefurl=http://www.dipity.com/timeline/Itunes-Home-Sharing/&usg=__yRMbhJ_M9ClQz3Qo-3McddF_S9M=&h=360&w=480&sz=12&hl=it&start=0&sig2=wpdgx2rBqqO89gKAqTeuGw&zoom=1&tbnid=WsPCRwbLQ2rcJM:&tbnh=137&tbnw=187&ei=BYlATbm6F9T14AbN6fHZAg&prev=/images%3Fq%3Dbump%2Btechnologies%26um%3D1%26hl%3Dit%26client%3Dsafari%26rls%3Den%26biw%3D1431%26bih%3D768%26tbs%3Disch:1&um=1&itbs=1&iact=hc&vpx=327&vpy=114&dur=146&hovh=194&hovw=259&tx=160&ty=104&oei=BYlATbm6F9T14AbN6fHZAg&esq=1&page=1&ndsp=28&ved=1t:429,r:1,s:0

  4. Erika Cubranich e Nicolò Costanzo Says:

    nome  (azienda, prodotto o servizio)
    La Repubblica online

    link
    http://www.repubblica.it/

    cos’è?
    Giornale online

    cosa fa?
    Permette la condivisione di informazioni gratuitamente

    perchè?  (come si intreccia con la lezione)
    Condivide notizie con tutte le persone che ne vogliono usufruire

    marketing?  (qual’è la strategia di vendita)
    Libero accesso online all’informazione

    immagini
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.pdcanosa.it/wp-admin/res/LINKS/repubblica.jpg&imgrefurl=http://www.pdcanosa.it/%3Fpage_id%3D53&usg=__hoCoS72qb3Ik7BOHsg8my4TKa1c=&h=400&w=1822&sz=36&hl=it&start=0&zoom=1&tbnid=WcAubrNGIKflTM:&tbnh=53&tbnw=243&ei=HTlBTa2PE5Cp8AOqreHxDw&prev=/images%3Fq%3Drepubblica%26hl%3Dit%26biw%3D1118%26bih%3D684%26gbv%3D2%26tbs%3Disch:10,3&itbs=1&iact=rc&dur=235&oei=HTlBTa2PE5Cp8AOqreHxDw&esq=1&page=1&ndsp=15&ved=1t:429,r:2,s:0&tx=102&ty=47&biw=1118&bih=684

    Erika Cubranich e Nicolò Costanzo

  5. Matteo e Alexander Says:

    nome: COWORKING

    link: http://it.wikipedia.org/wiki/Coworking

    cos’è?:
    Telelavoro, spazi di coworking sono nati dall’iniziativa di liberi professionisti del Web e di Internet che erano soliti viaggiare molto e lavorare da bar e caffè, oppure in isolamento dalle loro case.

    cosa fa?:
    Il coworking è quindi il ritrovo sociale di lavoratori che, sebbene continuino a lavorare in maniera indipendente, condividono alcuni valori comuni e sono interessati alle sinergie che si possono creare nel momento in cui si lavora con altri professionisti nello stesso luogo fisico.

    perchè?:
    le iniziative di coworking assomigliano di più a cooperative, specie per la loro attenzione al concetto di comunità.

    marketing?:
    Il coworking è il ritrovo sociale di lavoratori

    immagini:


  6. Luca Dagliano Andrea De Montis Says:

    Nome: Youtube

    Link: http://it.wikipedia.org/wiki/YouTube
    http://www.youtube.com/

    Cosè?
    YouTube è un sito web

    Cosa fa?
    consente la condivisione di video tra i suoi utenti.YouTube fa uso della tecnologia di Adobe Flash per riprodurre i suoi contenuti, così come Google Video. Lo scopo di YouTube è quello di ospitare solamente video realizzati direttamente da chi li carica.
    YouTube consente l’incorporazione dei propri video all’interno di altri siti web, e si occupa anche di generare il codice HTML necessario.

    Perché?
    YouTube e forse il sito web più famoso e conosciuto per la condivisione e caricamento di video.E’ un ottimo modo per condividere le proprie esperienze e i propri video sul web con chiunque accede al sito.

  7. Erika Cubranich e Nicolò Costanzo Says:

    nome  (azienda, prodotto o servizio)
    Twitter

    link
    http://twitter.com/

    cos’è?
    Blog

    cosa fa?
    Condivisione informazioni personali

    perchè?  (come si intreccia con la lezione)
    Servizio gratuito di social network e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo
    marketing?  (qual’è la strategia di vendita)
    Mostra gli aggiornamenti istantaneamente nella pagina profilo dell’utente e lo comunica agli utenti che oso registrati x riceverli.

    immagini
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.tecnocino.it/wp-galleryo/sondaggio-twitter/twitter_logo.jpg&imgrefurl=http://www.tecnocino.it/articolo/twitter-questo-sconosciuto/14307/&usg=__cnBnYtdY7JJddnxnEhXJy9Q3QRw=&h=300&w=450&sz=14&hl=it&start=0&zoom=1&tbnid=4W_d-Q6HyQz6HM:&tbnh=138&tbnw=207&ei=D3pKTaXNIIX2sgaM4_yeDw&prev=/images%3Fq%3Dtwitter%26um%3D1%26hl%3Dit%26sa%3DN%26biw%3D1118%26bih%3D684%26tbs%3Disch:10,55&um=1&itbs=1&iact=rc&dur=307&oei=D3pKTaXNIIX2sgaM4_yeDw&esq=1&page=1&ndsp=13&ved=1t:429,r:4,s:0&tx=123&ty=104&biw=1118&bih=684

    Erika Cubranich e Nicolò Costanzo

  8. Fabia De Gasperis,Luca Pecora Says:

    nome
    Emule

    Link
    http://www.emule.com/it/

    cos’è?
    un programma

    cosa fa?
    permette la condivisione di file, programmi, immagini e dvd

    perché?
    il funzionamento di questo programma si basa nello scambio reciproco di file ovvero mettere a disposizione file, dvd e programmi del proprio pc per scaricare ciò che interessa avere

    marcheting
    passaparola o pubblicità virtuale

    immagini
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://blog.atuttonet.it/images/emule.jpg&imgrefurl=http://blog.atuttonet.it/scambio-file-p2p/nuovi-server-sicuri-emule-2009.php&usg=__GpPvjv0XhSgpC5zM7GKlt5ksUxE=&h=410&w=332&sz=124&hl=it&start=0&zoom=1&tbnid=aFlJesuvXju1tM:&tbnh=149&tbnw=121&ei=WbhJTaS3DYmztAaR0OmvDw&prev=/images%3Fq%3Demule%26hl%3Dit%26biw%3D1911%26bih%3D1086%26gbv%3D2%26tbs%3Disch:1&itbs=1&iact=hc&vpx=283&vpy=101&dur=444&hovh=235&hovw=190&tx=115&ty=126&oei=WbhJTaS3DYmztAaR0OmvDw&esq=1&page=1&ndsp=55&ved=1t:429,r:1,s:0
    google.stb.csi.stTbn()

    Luca Pecora & Fabia De Gasperis

  9. Simone Bosaglia/Alfonso DeFabrizio Says:

    DEFINITIVO
    9-condivisione
    -Nome
    Biblioteca
    -link
    wikipedia/cerca/biblioteca
    http://www.vaticanlibrary.va
    http://www.biblio.polito.it
    http://www.lib.harvard.edu
    – cos’è?
    È un archivio di libri mantenuto da un ente locale, pubblico o privato, o da un istituzione.
    -cosa fa?
    Permette la condivisione del proprio archivio a chiunque ne abbia necessità.
    -perche?
    E’ la più antica forma di archiviazione e condivisione dati della storia. La prima biblioteca risale al l secolo d.c. attribuita a Dione Crisostomo.
    -Marketing
    Non essendo un prodotto non ha una vera e propria strategia di vendita, si alimenta delle necessità degli utenti di consultare fonti inerenti agli argomenti desiderati.
    -Immagini


    Simone Bosaglia/Alfonso DeFabrizio

  10. Barbara Palmitesta Jawad Perucchini Says:

    nome
    YouTube
    Link
    Google/cerca/youtube
    Google/cerca/youtube wikipedia
    cos’è?
    Youtube è un sito web che consente la condivisione di video.
    Di proprietà di Google Inc., è il terzo sito più visitato al mondo dopo Google e FaceBook.
    cosa fa’?
    L’azienda ha sede il California e utilizza tecnologia Adobe Flach Video per visualizzare una vasta gamma di contenuto generato dagli utenti di video, tra cui film, video televisivi e video musicali, così come i contenuti amatoriali come video blog di brevi video originali. La gran parte dei contenuti sul sito vengono caricati dai singoli utenti, anche se le società dei media tra cui la CBS, BBC, VEVO e altre organizzazioni offrono parte del loro materiale tramite il sito, come parte del programma di partnership di YouTube.
    perchè?
    Youtube si intreccia alla lezione perchè è un sito dove vengono caricati video e musiche disponibili a tutti e, dunque, condivisi con tutti i suoi visitatori e iscritti

    immagini

  11. Andrea e Luigi Says:

    Nome: My Space

    Cos’è: è una comunità virtuale, e più precisamente una rete sociale, creata nel 2003 da Tom Anderson e Chris DeWolfe.

    Cosa fa: offre ai suoi utenti blog, profili personali, gruppi, foto, musica e video.

    Perchè: questo sito è gratuito e permette di relazionarsi con altre persone attraverso un profilo virtuale.

    Markeitng: si è creatori e padroni della propria pagina web che si può interamente modificare a nostra scelta; è un sito che attraverso notifiche e ti aggiorna su quello che accade nel tuo profilo.

    Link: http://www.myspace.com/

  12. Fabia De Gasperis,Luca Pecora Says:

    nome
    ONU

    Link
    http://www.un.org/en/

    cos’è?
    Organizzazione delle Nazioni Unite

    cosa fa?
    L’ONU ha come fine il mantenimento della pace mondiale anche attraverso efficaci misure di prevenzione e repressione delle minacce e violazioni ad essa rivolte.

    perché?
    è un organizzazione mondiale consolidata con gli accordi di tutti gli stati che hanno aderito

    marketing
    tramite la collaborazione degli stati riesce ad organizzarsi per lo sviluppo dei paesi meno sviluppati.

    immagini
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.politica24.it/img/ONU.jpg&imgrefurl=http://www.politica24.it/articolo/onu-la-storia-della-piu-grande-organizzazione-intergovernativa-del-mondo/4235/&usg=__-A3zVazCLw7uDTSFqWs-1oiLbyc=&h=233&w=250&sz=21&hl=it&start=0&zoom=1&tbnid=5r621jwXSAoldM:&tbnh=155&tbnw=166&ei=5k9vTdyjFJuQ4gao0vj1DA&prev=/images%3Fq%3Donu%26um%3D1%26hl%3Dit%26biw%3D1911%26bih%3D1086%26tbs%3Disch:1&um=1&itbs=1&iact=hc&vpx=722&vpy=92&dur=1705&hovh=186&hovw=200&tx=113&ty=79&oei=5k9vTdyjFJuQ4gao0vj1DA&page=1&ndsp=57&ved=1t:429,r:3,s:0
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.politica24.it/img/palazzo-onu.jpg&imgrefurl=http://www.politica24.it/articolo/onu-la-storia-della-piu-grande-organizzazione-intergovernativa-del-mondo/4235/&usg=__BQdqFbH5ggKC4Eua65pQw-Wz1-U=&h=272&w=402&sz=21&hl=it&start=13&zoom=1&tbnid=iKULUwF52hdZmM:&tbnh=84&tbnw=124&ei=5k9vTdyjFJuQ4gao0vj1DA&prev=/images%3Fq%3Donu%26um%3D1%26hl%3Dit%26biw%3D1911%26bih%3D1086%26tbs%3Disch:1&um=1&itbs=1
    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.politica24.it/img/Onu-libia-sanzioni.jpg&imgrefurl=http://www.politica24.it/articolo/libia-onu-approva-le-sanzioni-contro-gheddafi/8599/&usg=__otuZKTi6BO3wZimVWQrN5sNYJ_0=&h=293&w=409&sz=26&hl=it&start=23&zoom=1&tbnid=FoVR85stQU6cFM:&tbnh=90&tbnw=125&ei=5k9vTdyjFJuQ4gao0vj1DA&prev=/images%3Fq%3Donu%26um%3D1%26hl%3Dit%26biw%3D1911%26bih%3D1086%26tbs%3Disch:1&um=1&itbs=1

    Luca Pecora & Fabia De Gasperis

  13. Jlenia Coco Says:

    1)nome
    dress sharing

    link
    http://www.newtoyou.it/

    http://www.thredup.com/

    cos’è?
    sono dei servizi che si basano sul dress sharing: la condivisione di vestiti.

    cosa fa?
    mette a disposizione dei vestiti (attualmente per bambini) che altrimenti verrebbero buttati via perchè troppo piccoli.

    perchè?
    Le mamme portano in negozio o pubblicano sul sito le foto dei vestitini che vorrebbero cambiare, barattare o condividere con altre mamme, risparmiando e divertendosi.

    markenting
    il passaparola tra mamme è indispensabile, ma il sito online è molto utile al fine di commercializzare e pubblicizzare l’operazione di scambio.

    2)nome
    neighborgoods

    link
    http://www.neighborgoods.net/

    cos’è?
    E’ un sito che mette a disposizione vari oggetti di uso quotidiano.

    cosa fa?
    L’utente entra nel sito attraverso una password e può scegliere di prendere in prestito o prestare.

    perchè?
    L’utente utilizzando il servizio condivide i suoi oggetti con gli altri e viceversa, risparmiando così del denaro, speso per un oggetto che si utilizza una sola volta.

    marketing
    L’operazione gioca molto sul brillante gioco di parole in inglese: da “neighborhood”, vicinato, a “neighborgoods”, beni di consumo posseduti dal vicinato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: