Luigi D’Antuono, Andrea Ebbi

ZtX_p5g0QbXoL-uBXqO7aZh--aqrpJTa2xZdV-dh0j1p7rrvl29gSpzj8wNkRfkhDs691fDNdBw5U8hRrDh55wB5754eLESPR4YQalKHDz5Qs8tQGiw

E-MOBILITY

Progettazione e riqualificazione dei parcheggi pubblici di Milano 
con colonnine di ricarica auto elettrica per mezzo dei pannelli 
fotovoltaici.

Fin dagli anni 80’ la situazione del traffico e dei parcheggi
nell’area urbana di Milano hacostituito un grave problema per le
Amministrazioni comunali.
Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 15
novembre 2001 è stato dichiarato lo “stato di emergenza per la
situazione determinatasi nel settore del traffico e della mobilità
nella città di Milano”.

Per non parlare poi dell’inquinamento ambientale che ha portato
Milano, ad appena 38 giorni dall'inizio del 2011, ad esaurire il
bonus annuo di 35 giorni con l'inquinamento oltre i limiti di
tolleranza che l'Unione Europea concede alle città.
Malgrado le domeniche consecutive di blocco del traffico, le
centraline dell'Arpa hanno registrato valori record di 181
microgrammi al metrocubo di Pm10.
Secondo INEMAR (Inventario Emissione Aria Regione Lombardia) il
colpevole principale dell'inquinamento a Milano è risultato
essere il trasporto stradale, che su base annua forma il 47%
della massa di PM10 (compresi i contributi di scarico dei motori
secondari a partire da gas di azoto e il biossido di zolfo,
freno / articoli dei pneumatici):

74zLjkvwgi_q0yupXPq7PzWUUsWOu8gGbF1Q-XskUAxP_JjL9H9oVlo5vJUe117uUjp72n9qD77aXpo0OdrEevHULSW3VuM1E5aHmx0cvrxX-BCa5ac

La situazione dimostra, dunque, che nonostante i preoccupanti
livelli di inquinamento raggiunti in passato, a Milano non sono
state adottate negli ultimi anni misure efficaci per prevenire
simili concentrazioni di polveri sottili e quindi per tutelare
la salute dei cittadini. In verità è stato introdotto il progetto
"Ecopass" cioè un sistema per chiudere con caselli elettronici
le circonvallazioni più interne e consentire l'accesso limitato
solo a pagamento per disincentivare l'ingresso agli autoveicoli
privati.
Gli obiettivi sono stati: ridurre il traffico (tempo e
vivibilità); ridurre l'inquinamento (ecologia e salute).

otxXNey8XTpSlPQkpw4wCMPpbRaGfxMpf3GPoDwVTr0hM0uiOBDvvABLQyNQJfOlVHGvW284M-HZ5CYPBScHxsSXJpLpEYK8rgZhrCJ4yFkvpW6glbI

Purtroppo, però, leggendo sul Corriere i nuovi dati ARPA, è
facile concludere che questo sistema Ecopass non ha fatto poi
granché contro l’inquinamento in città.
Il confronto tra i livelli di Pm10 registrati nei primi quattro
mesi del 2011 dimostra che, nella centralina di via Pascal, in
Città Studi, la media di polveri sottili è identica a quella del
2008 (54 microgrammi per metro cubo). Massiccio invece il
peggioramento nella Cerchia: al Verziere si è passati dai 48
microgrammi del 2008 ai 64 del 2011; in via Senato la media
giornaliera è salita da 58 a 67 microgrammi (il valore più alto
misurato a Milano a partire dal 2007).
Il Comune di Milano dovrebbe, quindi, adottare e realizzare un
piano di interventi per potenziare il trasporto pubblico e la
mobilità “pulita” (quelli ad emissioni zero), con l’obiettivo di
dimezzare il traffico e le emissioni inquinanti con:
- Campagne di pubblicità mirate agli utenti di automobili e
motocicli per sensibilizzarli sul progressivo e costante
aumento dell’inquinamento.
- Progettare parcheggi con le colonnine elettriche per
incentivare l’uso di veicoli elettrici che, peraltro,
rispettano l’ambiente.
- Per quanto riguarda l’insufficienza di spazi e posti auto,
l’idea sarebbe di aumentare infrastrutture di parcheggi a
prezzi più convenienti magari utilizzando molti spazi
inutilizzati dal comune di Milano e aprirli ai veicoli
privati e collegarli con mezzi pubblici veloci ed
economici.
- Portiamo avanti, quindi, l’idea della progettazione o
riqualificazione di parcheggi con le colonnine di ricarica
elettrica (grazie ai pannelli fotovoltaici) per incentivare
l’utilizzo di auto elettriche per ridurre i consumi, inquinamento
e rispettare l’ambiente.

Secondo il grafico, infatti, è altamente probabile che entro il
2020 avvenga il sorpasso a favore dell’energia solare (vedi
grafico sotto) e che nel 2030 l’energia solare costi la metà
dell’energia elettrica.

IWxtIaJliF2QKAYJfbJzagwxUFyoCxStL2kFOL_sz9f5xKEtAZ4t-44AztW4uKnHVV4UhffBf2hVCWpQUpNxlpcIpRR4Ignb0fvT5VD5fBsImWardcc

 CASI DI STUDIO

l_GgoMnfLg7prQoGXUwP8nYq_NzD_BYn54KHSLf-5_K45nxZ67s1jZPmlxy4rmYr0sbWvczSzLuJb2y8dH6uElYfx2C3fz_S3KPOX26lnvFgngJarEo

- ENEL DRIVE : Enel, come attore leader nella produzione e
distribuzione di energia in Italia, ha individuato nella mobilità
elettrica un campo interessante di sviluppo, considerato che
l’elettricità svolge un ruolo significativo nella riduzione delle
emissioni inquinanti.
- SMART-ENEL : Daimler ha messo sul campo 100 Smart alimentate
esclusivamente da corrente elettrica per i cittadini partecipanti
al progetto a Roma, Pisa e Milano, mentre Enel si è occupata
dell'infrastruttura necessaria per un nuovo concetto di mobilità.

- LEASEPLAN Società di noleggio a lungo termine: Anche le società
di noleggio si stanno attivando per la commercializzazione ed il
noleggio di auto elettriche:

- Roma Tre: Car pooling per studenti: Lo slogan: «Studia,
risparmia e rispetta l’ambiente». L’Università Roma Tre lancia un
importante servizio: il Carpooling a misura di studente. Primo
caso tra gli atenei romani: Roma Tre ha attivato un servizio
on-line di carpooling che mette in contatto gli studenti che
utilizzano un mezzo privato per frequentare le lezioni e
provengono dalla stessa zona della città.

- Carpooling: a Milano : La pratica del Carpooling implica la
condivisione della propria vettura tra più soggetti che
quotidianamente sono costretti a compiere lo stesso tragitto,
pendolari in primis. Adesso è diventato un vero e proprio progetto
attivato da Autostrade per l’Italia, che permette la registrazione
al servizio grazie al sito di AutostradeCarpooling.

- BikeMi è il nuovo servizio di Bike Sharing della città di
Milano, facile, pratico ed ecologico. Nato per favorire la
mobilità dei cittadini, BikeMi non è un semplice servizio di
noleggio bici, ma un vero e proprio sistema di trasporto pubblico
da utilizzare per i brevi spostamenti (al massimo 2 ore) insieme
ai tradizionali mezzi di trasporto ATM.. Chi si abbona deve solo
pensare a prendere la bici, arrivare a destinazione e restituirla
nella stazione più vicina.

IL NOSTRO PROGETTO:
Cos’è?
Emobility è un servizio in base al quale una flotta di automobili
elettriche, di proprietà di ATM, viene utilizzata dagli aderenti
al servizio per impieghi all’interno dell’area metropolitana di
Milano e che puo’ essere condivisa tra un gruppo di persone.

The new solution: “car sharing + car pooling + car electric”.

Qaqd_gGanJOsLZS4xWhO4MWMAR218eEKCgp6x4baN5KlLUYocaZoT8mLj6fxivZhIDujusaEa3cMwlG1Kiumbvo6ewZzrQqsVCQ--71d6lakgT6E8zU

IL NOSTRO PROGETTO:
Come?
Attraverso la piattaforma ATM viene prenotata la vettura elettrica
che potrà essere condivisa con altre persone e prelevata nei
parcheggi di interscambio di Milano.

RRwu8wjeiMU2Xlkpw6o16CUUPj2R7F8eFERkY5E3W94c5dWHoIwFCGrS8U8gSZ567c4WZhDkrsJ7T8tAhfcr_5PQ1nvdOHI0IqSMgiZQRKUselJ9juc

IL NOSTRO PROGETTO:
Perchè?
Viene aumentata l’offerta di vetture elettriche nelle zone Ecopass.
Si riduce il numero di auto tradizionali nel centro di Milano
favorendo l’auto elettrica peraltro condivisa.
Possono essere raggiunti facilmente e senza inquinare luoghi di
Milano non serviti dalle linee metropolitane.
Vengono ridotti i costi ecopass e dei parcheggi in centro con
sconti personalizzati.

NiFmICdfprKXNcWIUvvGAE2CwbycHPwL6dK4M8lJb7azAQC8PhtKxniyLuCe6AQN1NqCR_NAhsvd4OjYfCmH7a4uitjBDgnrh5AdmjglVHkonuriq0s       ceo6eo7X63oDDKdPJzTQznJT5EjNSAweGrNbyZ3kZHNn1HFdcAc1TccIcgt3-EicAoayHcvVv4C84zP1Qs6acQabthPmDKuHa-Wh7YPPrXGtRE84AxU

IL NOSTRO PROGETTO:
Marketing
Il veicolo elettrico deve essere prenotato prima dell'uso, di
solito via Internet o per telefono, e può quindi essere ritirato
all'ora scelta in uno dei parcheggi di interscambio di Milano da
uno a più persone, cioè in modalità condivisa.
Molte statistiche hanno dimostrato che ogni macchina condivisa
consente di ridurre la circolazione di almeno 10 auto private e
che il 54% degli aderenti vende la propria seconda auto, mentre
il 13% rinuncia all'acquisto della prima.
I parcheggi di interscambio abilitati al servizio avranno il
logo E-mobility facilmente leggibile ed individuabile.
Per iscriversi basta collegarsi alla piattaforma ATM E-mobility,
registrare i propri dati anagrafici e scegliere la tipologia di
abbonamento:
- Giornaliero
- Mensile
- Trimestrale
- Annuale

kW7lFaGIws-9xbyxUj9fyHbc1gBA1_ssvEQrdysqHIEGjKt2DiitJiJxm2od1e82FmKjZpyUjOBO2gUfQOG-6aFCpHppViIRsS_5crPGgC-ZJXHGMa0

IL NOSTRO PROGETTO:
Dove?
Il progetto in esame si occuperà di tutte queste aree di
interscambio di Milano.

RX0mRB4xthBXZmGuHHnZxJ30-e_oO_vWPA8ND8U-4qk4tssH8A1fEHBDglB-2v3FFiIiCBdNrDnAbnvklMqC7N0mj2s0qvFvfHc2k4WhlagcMErzRmg

1.Famagosta (2200 posti)
2.Bisceglie (1400 posti)
3.Molino Dorino (1700 posti)
4.Lampugnano (2000 posti)
5.Bovisa (1200 posti)
6.Cascina Gobba (1080 posti)
7.Cologno Nord (900 posti)
8.San Donato (1000 posti)
E’ evidente che il progetto dovrà essere esteso, successivamente, 
agli altri parcheggi di interscambio:
- San Donato 2 , posti 1.000, interscambio con MM3
- Molinette di Lorenteggio, posti 450 interscambio con Tram 14
- San Leonardo, posti 360 interscambio con MM1
- Ripamonti, posti 140, interscambio con Tram 24
- Forlanini, posti 400, interscambio con Tram 27, BUS 73, 45
- Crescenzago, posti 600, interscambio con MM2
- Romolo, posti 250, interscambio con MM2
- Gessate, posti 500, interscambio con MM2
- Caterina da Forlì, posti 399, interscambio con MM1
- Questo Oggiaro, posti 516, interscambio con FNM
- Romolo, posti 88 263, interscambio con MM2
- Pirelli (Comune di Milano), posti 735 interscambio con MM2
per arrivare ad una copertura di 16000 posti auto.
E via via, altri parcheggi dovranno essere costruiti per
aumentare l’offerta di e-Mobility.

IPOTESI FUNZIONALE:
CONTESTO E VINCOLI
 • Le colonnine di ricarica elettrica dovranno essere di
dimensioni non molto ingombranti consentendo il parcheggio dei
veicoli elettrici.
 • Con uso dei pannelli fotovoltaici cercare di non perdere
l’energia accumulata.
 • Facilitare l’ingresso per coloro che vorranno utilizzare
veicoli elettrici.
 • Possibilità di parcheggiare l’auto tradizionale e prelevare
l’auto elettrica per l’uso cittadino.

Gli utenti, quindi, potranno usufruire di quest’area di
parcheggio, destinata alla ricarica delle batterie dei veicoli
elettrici, durante l’orario di esercizio del parcheggio stesso.

Lo schema riportato rappresenta nella sua semplicità la logica di
utilizzo:

oQjsL22cyXbk-454WixjnET1St8ZI2H8_icjsU2SZIoW4lDps-gl_qgGBKTpN9BK5cp59jij_gjCLQab910O0viv1GPs-a0QOvgBnFH7zjMh2-kbVJg

1. PARCHEGGIARE L’AUTO TRADIZIONALE 
2. INSERIRE LA TESSERA (del tipo ricaricabile ATM o abbonamento) 
NELLA COLONNINA 
3. PRELEVARE LA VETTURA ELETTRICA ATM condivisa, eventualmente, 
con altre persone.

SOTTOPROBLEMI:
Vediamo ora nel dettaglio i sottoproblemi:
1. Come dimensionare l’impianto fotovoltaico?
2. Come posso condividere la vettura con altre persone?
3. Dove e come avverrà il pagamento?
4. Dove saranno posizionati questi spazi riservati alle auto
elettriche?

V5JvgY5bQuRtFV6GmU2q715nl5Gp4A32RfVZbMFBX4nLpUzRTqHSLstbeYfxp8cNf4JZ4Pg2GLIluDukv_0OHs40058sjU-4B-I_lvV-RCcWHtRM3iY

e le possibili risposte:
1. La dimensione dell’impianto fotovoltaico è calcolata sulla
base dell’energia consumata dall’utenza. La superficie di
copertura totale potrebbe, quindi, risultare
sovradimensionata ipotizzando ad esempio: 60 posti a piano
per un totale di 240 posti auto.
2. Ci sono diversi progetti già realizzati che permettono la
registrazione al servizio per la condivisione della propria
autovettura. E’ evidente comunque, che ATM dovrebbe crearne
uno nuovo per completare l’offerta tipo e prevedere la
possibilità di prenotazione della stessa vettura elettrica
a più persone.
3. Per il pagamento verrà acquistata una tessera ricaricabile
(per settimana, mese, anno) in biglietteria ATM. La tessera
serve per l’attivazione del servizio e per la successiva
disattivazione del servizio.
Ogni piano del parcheggio avrà una zona riservata alle auto
elettriche.
SCHIZZI del progetto colonnina di ricarica:

hg3dzu_bQHGtkOFVR59qlJswbJGeNi3Ef8ovLMPhEk4paw458xFs6KkTw_JFBtbG5E88EMH5T1FBwuhvZ6Hw9BuOwBebclslhEY-rTjct5zyABBHA-Y

_Uqa9oR1MiWVKCIqrN8liK3Jp63pzD7tor6FZFlAMIPYSk61yS9YxvVQg64ispEIbONz3CLpO7hKAEUsLoOD5OI8q7A1JymQ2GElum2npGOVx5J0iLQ

La colonnina sarà dotata di un alloggiamento per la tessera,
acquistabile presso la biglietteria Atm, che servirà per
l’attivazione del servizio.

ESEMPIO DI REALIZZAZIONE: Come esempio per tutti prendiamo in
esame il Parcheggio pubblico di Famagosta collegato con la
stazione metropolitana MM Linea 2 Verde.

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO

RzWktMICjfoWWO9HGRuFVKQmag4zBC70OA3H6hmfU47Plsf4DVVxDWoi8aR9XdbkMVGKIsYDcXsPeOpXnWnr9fFdM7QtfEbRyJwX7GrfbsmiXjrm9_U

La potenza dei moduli fotovoltaici si misura in Wp (Watt di
picco).
 Per poter installare pannelli fotovoltaici per la potenza di
1 kWp, servono 8 mq. circa.Coprendo l’ultimo piano del parcheggio
ATM con pannelli fotovoltaici avremmo :
Copertura al 100%:
 110 m. X 110 m. = 12100 mq. circa
 Potenza : 12100 mq. / 8 = 1512 Kwp
 Si ricaricano
 500 autovetture
Copertura al 50%:
 55 m. X 55 m. = 6050 mq. circa
 Potenza : 6050 mq. / 8 = 756 Kwp
 Si ricaricano
 250 autovetture

COSTI E PUNTO DI PAREGGIO DELL’ INVESTIMENTO Con una ipotesi 
di costo del parcheggio di:

rHPupf03pzEdSYv3xVEgGCndVMSR0WKLTE7sgb26CNjfnkoBpFD-4RYz5K1_fw-MYPD1egd7nu6jlrCoWbYLjFEf0HZOGCw0Bgd22eMX9nVLJQKfet8

5 € (3 di auto elettrica + 2 di sosta) per vettura
Punto di pareggio o break even point (abbreviato in BEP) sarà
72000 X 5,00 € = 360.000 € /anno - 3.780.000/360.000 = 10 anni
Questo punto di pareggio può scendere drasticamente se l’energia
prodotta e non utilizzata viene, in alternativa, ceduta al gestore 
locale (solitamante Enel) e conteggiata dal secondo contatore
(contatore 2) che rileva i KWh immessi alla rete.

FOTO DEL PARCHEGGIO ATTUALE

PNPj-CIoloEdlJDWJi9-Wmo2aBuNSu3dAMKvpxf3vKvym6fHGY-7YLt7KfeRRewOaOBy8f39rjTUJPEkePGa9WK0oFNOi9rqelZSlXB_nY2M417Me8M

Vista Ingresso

Bw8etbssrxF90rIsTkKYmyveQ6xRLv0qK8dC91H0ImMwIZJpOtrBWWRoXXwFu-O8JV-2OrqwlX6E1ke-pvvEu29cr44TaP7BoB_H6XVqaWgqpcfDaiw

Vista piano superiore parcheggio scoperto

MXGkIUg-GeLEvbfigVVzdLvsoO-nIAnkDR7-s4Z7U5qfSoRQL33s_6GFRg5JzDJtbyBZcIFzJK9Hkqy5KleRv6z7YWc8tl-UUnNtBgsN0Fjh7lNzUcc

Vista parcheggio coperto

RENDERING DEL PARCHEGGIO CON IPOTESI DI COPERTURA PANNELLI 
FOTOVOLTAICI

AZp8SCU8G-bnCyTPXbGFP5GrXzflk5_rpvOkx9xWKnI5hktx7IEcTlx7B4j4JGJZ5puWBOV75JCA6tsg-OEDb7aZeA9EQ50hY9sHaGhHZ2to0IlGQuE

Vista dall’alto

D6mxkRg1xZrXT9G-klTCmbXf8qU7GAEMWAvU7kIUqBjDvxjyx0N5AbtCAfdtD5fgp2LgOsMUJqt0ask-4QDYHFbbsItpEH5QxjTjxHLAj4IFkfWme6c

RENDERING  DEL PARCHEGGIO AUTO ELETTRICHE

00WL0POPuPlN7H50oVTaR8p-cN14imHjfyr0QtBBweZFw9AYQKFrBc2hDf2hbV4IhchEhXG-5-QY682BwZHkRghBL6ng9z1QM40bYxH8WyYOYmL1IKE

ucNP7VlEcuXoqpq-uOnBE32zUFSy5_GFpsbcsYTfbh29HDbnqKPeVhTCI0PmI13_ZxnTWOJZkJjtb8uXnQA86vd-R1qamHraiOcJ5QSJ1fcr_dumemU

BLCWZ3WqoT4nq295HIKiJ7WS6UlbqcX5eOZCu4mJZnZCOer5UZWE0IN__h_Wc1lYFKtJEP9Q0P9I8wn74V8bq8UlL6PGuUebLTGhrkXAFrtr8ucWMVA

Particolare della colonnina con inserimento della tessera

xo_IlwogOs5T9cczMxTvwF6gfq1ZwZ9sesTT0W_5POj77r0OkwIwWuU3DbShQYhEEMBaDc8mMVcQ5hv7vyaZ3ekN01aXXO8rwVvjBEhS-lDfqU6zQNo

e-Carpooling: condivisione della vettura elettrica tra più
soggetti per compiere lo stesso tragitto.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: